domenica 1 gennaio 2012

DUEMILADODICI

primo gennaio duemidodici

sole
la città silenziosa e vuota
la lettura degli ultimi capitoli di un libro sotto le coperte al caldo
pensieri che vanno veloci
desideri che si accalcano ma che cerco di fermare
la telefonata inattesa di un'amica, la più cara
la voglia di progettare da rinviare a tempi migliori
l'attesa della primavera che mi raggiunge sempre lasciato il vecchio anno
qualche inquietudine sul "cosa sarà"
il messaggio di un'amica mancata
la voglia di mare e di divertimento
forse il bisogno di scoprire   posti nuovi, volti nuovi
l'attesa della neve che forse non arriverà
un piatto di pasta al ragù
e poca voglia di buoni propositi
Affronterò quello che arriverà
attraversata da una lieve inquietudine per ciò che non conosco
ma niente buoni propositi
Quelli li lascio a voi!




Nessun commento:

Posta un commento