lunedì 16 gennaio 2012

Carlo Fruttero






 Carlo Fruttero se ne è andato ieri nella sua casa di Castiglion della Pescaia.
Aveva 85 anni e diceva di essere stanco, anche se la sua ironia e il suo sorriso non l'hanno mai abbandonato.
Nato a Torino il 19 settembre 1926,
Fruttero incontrò nel 1952 Franco Lucentini,
con cui costituì un eccezionale sodalizio.
Tra le opere della prolifica coppia: «La donna della domenica» (1972), «A che punto è la notte» (1979), «La prevalenza del cretino» (1985).
Traduttore e giornalista, oltre che scrittore,
dopo il suicidio di Lucentini, nel 2002, aveva smesso di scrivere ma è tornato alla produzione nel 2006 con Donne informate sui fatti arrivato in finale al premio Campiello e la riedizione di Ti trovo un po' pallida.
Nel 2007 ha ottenuto il premio Chiara alla carriera; tre anni dopo - sempre alla carriera - anche il Campiello.
Nel 2010 il suo ultimo libro, Mutandine di Chiffon in cui scorrono i ricordi di una vita: la famiglia, la scuola, la guerra. Dello stesso anno anche La patria, bene o male, con Massimo Gramellini, raccolta dedicata all'unità d'Italia.

Nessun commento:

Posta un commento