mercoledì 19 ottobre 2011

ombre




Ombre che raccontano
e che raddoppiano
Ombre che disegnano
e che cospirano
Ombre che ci fanno ridere
o  ci spaventano
Ombre diurne
o misteriosamente oscure
Solide come scomposizioni cubiste
Delicate come trine
che si proiettano allungandosi
in un gioco di bianco e di nero
di nero e di bianco
di bianco e di nero
di nero e di bianco
di bianco e di nero

Nessun commento:

Posta un commento