martedì 26 luglio 2011

Paul Auster - INVISIBILE



In queste settimane leggo ininterrottamente e così vi racconto di libri...
Oggi ho letto tutto d'un fiatto "Invisibile" un romanzo di Paul Auster,
scrittore statunitense classe 1943.
Non lo conoscevo, è la mia prima lettura di questo scrittore
e se ieri ero sicura e decisa nell'elogiare Irene  Nemirovsky e il suo meraglioso "Il calore del sangue",
oggi mi sento abbastanza indecisa e confusa.


"Invisibile" è una storia  indefinibile.
non è un thriller e non è un romanzo d'amore,
direi che oltre che indefinibile è inafferrabile ed enigmatico.
Non c'è una verità, ma Austen lascia a noi lettori il verdetto finale.
E' sogno e realtà che si mescolano
e che a tratti turbano.
Mi è piaciuta la costruzione della storia così a ritroso,
la narrazione attraverso la lettura di un  manoscritto e le pagine di un diario.
E' il libro nel libro.
Ma i personaggi non si fanno amare, sfuggono
ed il male si insinua e sporca le loro vite.
L'ho trovato per certi aspetti un romanzo
cupo ed oscuro,
dove anche il sesso finisce nell'incesto 
e il sapore che ci resta addosso è aspro e spiacevole.




Nessun commento:

Posta un commento