giovedì 27 gennaio 2011

LABIRINTO DI PIETRA - Duemilasettecentoundici stele di cemento

HOLOCAUST-MAHNMAL  (Berlino 2005)



“Il ricordo vuole attivare energie e forze che possano impedire quello che di brutto, di violento e di malvagio è accaduto”.  

E' il Memoriale alle vittime dell'Olocausto
Un luogo di riflessione e memoria per i sei milioni di ebrei europei sterminati durante il nazismo.
Il grande campo di stele di cemento nel cuore della capitale, a due passi da dove un tempo sorgeva il centro politico del Terzo Reich
Si tratta del primo monumento importante costruito nella Germania unificata, e del più grande mausoleo al mondo alle vittime della Shoah dopo quello di Yad Vaschem in Israele. Il progetto dell'architetto ebreo americano Peter Eisenman si compone di una serie infinita di stele di cemento di forma quadrangolare e di altezza diversa (fino a quattro metri) su un'area di 19.000 metri quadrati nei pressi della storica Porta di Brandeburgo.

Nessun commento:

Posta un commento