mercoledì 23 novembre 2011

Friedrich Durrenmatt - Racconti


Natale

Era Natale. Attraversavo la vasta pianura. La neve era come vetro. Faceva freddo.
L'aria era morta. Non un movimento, non un suono.
L'orizzonte era circolare.
Nero il cielo.
Morte le stelle.
Sepolta ieri la luna.
Non sorto il sole.
Gridai.
Non mi udii.
Gridai ancora.
Vidi un corpo disteso sulla neve.
Era Gesù Bambino.
Bianche e rigide le membra.
L'aureola un giallo disco gelato.
Presi il bambino in mano. Gli mossi su e giù le braccia.
Gli sollevai le palpebre. Non aveva occhi.
Io avevo fame.
Mangiai l'aureola. Sapeva di pane stantio.
Gli staccai la testa con un morso. Marzapane stantio.
Proseguii.

                                                                                               (1942)




(Botticelli -Adorazione dei Magi 1475)

Nessun commento:

Posta un commento