sabato 2 aprile 2011

i cavoli sono sempre in mezzo!

il rumore delle foglie quando si spezzano
la croccantezza
quel colore verde all'esterno  e bianco chiaro all'interno
 leggero e contenuto
ricordano una cucina povera e sontuosa insieme


è l'ortaggio che meglio ricorda l'inverno
quasi una scultura che si spoglia piano piano,
foglia dopo foglia
piega e ruga e solco senza interruzione




detta anche cavolo di Milano
o cavolo lombardo
o cavolo dei Savoia
è di origine antichissima



increspata ed irregolare
ricorda un pizzo  scabro e ruvido
ma con una propria calda esattezza
nella sua tormetata imprecisione di curve e cavità



nell'antica Roma erano soliti mangiarla cruda,  prima dei banchetti, per preparare lo stomaco ad assorbire meglio l'alcool e gli si attribuiva il potere di scacciare malinconia e tristezza
E' molto utile per curare l'anemia.
I cavoli puzzano perchè sono ricchi di composti di zolfo che evaporano durante la cottura!!

Nessun commento:

Posta un commento